Euridice Axen: "Se la Roma vince lo scudetto, mi spoglio!"

EURIDICE LA ROSA DEL NORD

Axen. Sognatrice e curiosa, l'attrice svedese e metà italiana racconta le sue passioni per la recitazione e i colori giallorossi

Tutti i tifosi d’Italia, da oggi, hanno un motivo in più per sperare in una vittoria della Roma in campionato. Il motivo? Euridice Axen, la bellissima attrice di origini svedese in caso di tricolore giallorosso, udite, udite, ha promesso uno spogliarello allo stadio! Roma a parte, la Axen è un uragano in piena di simpatia, impegnata sul set della nuova stagione de “Le Tre Rose di Eva”, presto protagonista a teatro con una commedia brillante e sul grande schermo con “Patatrac, il sesso dopo i figli”.

 

Cominciamo con una domanda che solitamente chiude l’intervista: progetti presenti e per il futuro?

Sono sul set della terza stagione delle “Tre Rose di Eva” dove il mio personaggio è praticamente diventato Crudelia Demon (ride, ndi) anche se a livello artistico è molto divertente. Sarò impegnata anche a teatro con Simone Montedoro e Stefano Fresi. E poi sono impelagata in un corto che ho scritto e devo capire bene come occuparmi dell’aspetto produttivo per quello che sarà il mio debutto alla regia.

Come nasce la tua passione per la recitazione e quanto ti senti cambiata dal tuo esordio a oggi?

È una passione che mi coinvolge sin da quando ero piccola, tipo che recitavo le cose per i miei genitori davanti alla tv (ride, ndi). Ero convinta che da grande avrai fatto questo mestiere e devo dire che la determinazione mi ha ripagato. Come sono cambiata? Sono diventata più esigente nei confronti degli altri e di me stessa. Agli esordi era tutto più leggero, adesso sono molto più concreta. 

Ho curiosato sul tuo profilo Twitter e mi ha colpito la presentazione in cui ti definisci, tra le altre cose, sognatrice e curiosa.

Sognatrice perché nei miei momenti bui, che durano due secondi, poi riprendo a pensare che le cose andranno sempre meglio e come le ho sempre desiderate da piccola. Faccio fatica a crescere nel senso di adattare i miei sogni alla realtà. Sono curiosa nel senso che mi piace scoprire cose che non so, dalle persone a un insetto, un cavetto, una maniglia. Ho sempre voglia di conoscere cose nuove. 

Nel tuo dna scorre sangue svedese e italiano. Ma in cosa ti senti più svedese e cosa invece più italiana?

Più svedese nel lavoro, nel senso che sono una precisa, stakanovista, puntuale. Mi sento italiana per la mia maniera più aperta, meno rigida e più solare nel relazionarmi.

Passiamo allo sport. Segui il calcio e per quale squadra fai il tifo?

Guardo la Roma, non guardo tutte le partite (ride, ndi).  Vado allo stadio, ma mi piace vederle anche a casa. Dipende dagli impegni lavorativi. Devo confidarti però che ogni volta che sono andata allo stadio la Roma ha sempre vinto. Pensa che quando abbiamo perso con il Bayern, una mia amica era allo stadio mi ha chiamato e nel momento in cui le ho chiesto di farmi sentire il tifo, Gervinho ha segnato (ride, ndi).

Il ricordo più bello che ti lega ai colori giallorossi?

Sicuramente le partite che vedo con mio padre e con il cane che mi morde ogni volta che mi sente urlare.

Facciamo un gioco. Chi, della Roma, porteresti a cena fuori?

Gervinho. Io lo amo, anche perché con lui in campo cambia sempre la partita.

Con quale calciatore invece vorresti recitare la parte in un film?

Il capitano, non si discute.

Cosa saresti disposta a fare per vedere la Roma vincere lo scudetto?

Mi spoglierei come hanno fatto altre attrici allo stadio, che mi frega (ride, ndi).

 

 

Euridice Axen in contropiede.

La tua peggiore abitudine?

Fare tardissimo la sera anche quando non esco, tipo le 5 giocando ai videogiochi o guardando la tv saltando da un canale all’altro senza vedere niente.

La cosa che ti fa arrossire?

Il pensiero che qualcun altro può pensare di me qualcosa che non è vero.

Cos’hai in tasca in questo momento?

Fammi vedere. Un pacchetto di gomme con una gomma dentro.

Il rimpianto più grande della tua vita?

Non aver preso la situazione in mano in una storia d’amore.

L’odore più buono del mondo?

Un profumo che si chiama acqua di sale.

Posizione preferita per dormire?

Pensavo a letto, oddio (ride, ndi). Dormo sul fianco con un braccio interamente sotto al cuscino.

E cosa indossi per andare a dormire?

Confusione totale. Posso mettere qualcosa super sexy come un pantalone di pigiama o anche solo una maglietta. Apro il cassetto e quello che trovo prima indosso.

Il poster che avevi in camera da piccola?

Uno dei Take That, ma non ricordo quale.

Cosa non manca mai nel tuo frigo?

Il latte di riso.

La tua ultima notte folle?

Non faccio una vita così folle. Forse per lavoro con un gruppo di amici. Abbiamo fatto le 5 del mattino, con la macchina che si è rotta, il kebab mangiato per strada.

Sei invisibile, qual è la prima cosa che fai?

Vado a vedere nei cellulari delle persone.

A cosa non sai resistere?

A mandare un messaggio a qualcuno che mi piace.

Domani mattina ti svegli e sei un uomo. Qual è la prima cosa che fai?

Mi gratterei le… (ride, ndi).

Scrivi commento

Commenti: 0